• instagram.com/renatozer0
  • youtube.com/renatozeroofficial

 

 

facebook

Renato Zero

…e l’ignoranza che ci vuole tutti uguali a lei, non fa per noi.

Giurai fedeltà al mio coraggio alla mia intraprendenza, ma soprattutto al palcoscenico sin dall’inizio di questa mia difficile scalata; non al successo, ma alla ricerca di me stesso.
In ogni forma ed espressione. Perciò passai dal Teatro alla Danza, dal Cinema ad una certa Avanguardia. Lo scopo, perfezionare la qualità ed il valore del mio non sempre incoraggiato e condiviso talento. Ed ecco che mi imbatto in Zerovskij. Egli mi costringe tra il foglio di carta e quello da musica, dando vita ad un percorso narrativo e musicale dal quale si sprigionano timori e perplessità su un tempo così ruvido, incomprensibile, ma soprattutto ostile.

Oggi metto in scena la mia fierezza di non essermi piegato al volere di alcuna playlist. Al bisogno inaccettabile, da parte di certuni, di voler pilotare il gusto, la sensibilità, il bisogno fisiologico di spedire la propria ispirazione dove è giusto che alberghi. E quindi: UN MILIARDO E PIÙ VOLTE grazie a chi c’era e ci sarà. Grazie per essere cresciuti liberi nella scelta di seguirmi ed accettare le mie evoluzioni. Grazie per comprendere che la mia disperazione persiste nel voler trovare serenità ed appagamento in quella libertà d’espressione, che rappresenta il pane per tutti i VERI ARTISTI del mondo!
Zeroskij è il mio nuovo lavoro. Un’avventura nuova per non vivere all’ombra dei successi di un tempo che hanno lavorato già abbastanza. O per rischiare di assumere le fattezze di un Jukebox privo di anima e di autonomia… E non ascoltate i falsi seguaci… quelli che acclamano tutti con la stessa facilità con cui ne disperdono le ceneri.
Lunga vita a ZEROVSKIJ!!!

Vi aspetto

L’irriducibile
Renato Zero
(diffidate delle imitazioni)

Il progetto “ZEROVSKI… solo per amore”
rappresenta il tentativo di dare totale spazio alla mia scrittura musicale più classica e rigorosa. Competere così con lo Zero più pop e disinvolto, al fine di portare a casa un risultato che accresca il valore del mio percorso artistico.
Sapere che molte grandi orchestre patiscono per una latitanza ingiusta e incomprensibile, ciò rappresenta una spinta ulteriore per attuare questa scelta.
Anche la fascia attoriale nel nostro paese sta attraversando un momento particolarmente difficile. Allora, perché non allargare la famiglia?

Ed a proposito di famiglia, abbiamo dei parenti tanto, ma tanto scomodi che non ci piace esibire così volentieri. Per una strana forma di pudore. Eppure da loro dipendiamo. Ci educano. Ci affiancano. Ci aiutano nelle scelte di vita e noi li condividiamo più o meno. Sono figure talvolta scomode ed ingombranti, che però alla fine affascinano. Stordiscono. O addirittura ci fanno perdere il controllo.
Io li ho espressamente invitati ad esibirsi di fronte al mio pubblico. Quindi potrete godere del loro talento e misurare la loro credibilità oppure la loro sfacciata ruffianeria.
Vita, Odio, Amore, Tempo e Morte. Per voi finalmente, in carne ed ossa.
Un’orchestra e un coro sinfonici. Una colonna portante musicale inedita.
E la magia di Una stazione ferroviaria da cui partiranno e arriveranno eventi e stati d’animo che ruoteranno intorno a quegli scellerati di Adamo ed Eva.
Luci ed effetti di tutte le razze e confessioni. La diversità che sfida la normalità; il buio la luce; il silenzio, un sorriso e via cantando… Ed a Dio piacendo condivideremo emozioni e reazioni dal di dentro per centottanta generosi minuti.



I Cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi

Buoni sconto